Rifatevi gli occhi con i pompieri di questo calendario

2020 con i pompieri australiani: come ogni anno dal lontano 1993, i vigili del fuoco della grande isola dell’Oceania posano in un calendario sexy ma ironico, in compagnia dei nostri amici animali. Il ricavato, stavolta, andrà a favore della fauna selvatica. Continua a leggere “Rifatevi gli occhi con i pompieri di questo calendario”

Questo è ciò che prova un bambino mentre i genitori si picchiano e litigano

Si rincorrevano con i coltelli davanti ai miei occhi!

Oltre un bambino su dieci, solo in Italia, ha avuto paura che la propria vita o quella della mamma fosse in pericolo; un bambino su due ha assistito direttamente ai maltrattamenti.

Solo negli ultimi 5 anni, nel nostro paese, 427 mila bambini sono stati testimoni, diretti o indiretti, dei maltrattamenti che le loro mamme hanno subito, quasi sempre per mano del compagno o del marito, fra le mura domestiche, mentre è di quasi un milione e mezzo il numero delle mamme che hanno ammesso di essere state vittime di violenza domestica nella loro vita. A rappresentare l’unico spiraglio di sole è il fatto che, negli ultimi 15 anni, le denunce siano più che raddoppiate, passando dalle 1320 del 2000 alle 2923 nel 2016. Continua a leggere “Questo è ciò che prova un bambino mentre i genitori si picchiano e litigano”

Ideato un elettrodo che stimola il nervo ottico

Può inviare informazioni visive direttamente al cervello, senza passare per l’occhio. Il funzionamento della nuova tecnologia, sviluppata dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e dal Politecnico federale di Losanna è stato testato con successo sui conigli.

 ricercatori della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e del Politecnico federale di Losanna (Epfl) hanno sviluppato OpticSeline, uno speciale elettrodo che in futuro potrebbe aiutare i non vedenti a svolgere le attività quotidiane: una volta inserito all’interno del nervo ottico, è in grado di stimolarlo inviando informazioni visive direttamente al cervello, senza passare per l’occhio. I risultati dei primi test, condotti con successo sui conigli, sono stati pubblicati sulle pagine della rivista di settore Nature Biomedical Engineering e potrebbero portare presto a una sperimentazione sull’uomo. “Da un punto di vista puramente tecnologico, potremmo iniziare i test clinici anche domaniâ€�, dichiara Diego Ghezzi, professore di neuroingegneria presso il Politecnico federale di Losanna.

Un valido supporto per i non vedenti

La versione di OpticSeline utilizzata per condurre i test sui conigli è composta da un fascio di 12 elettrodi molto sottili. Quella destinata all’uomo, invece, potrebbe contenerne fino a 60: si tratta di un numero troppo limitato per restituire completamente la vista ai non vedenti, ma sufficiente a fornire loro un valido aiuto nello svolgimento delle attività quotidiane. “Crediamo che la stimolazione intraneurale possa essere una valida soluzione per molti dispositivi neuroprostetici mirati al recupero della funzione sensoriale e motoria”, dichiara Silvestro Micera, ricercatore dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore di Sant’Anna di Pisa. In passato questa tecnologia è già stata impiegata con buoni risultati nelle mani artificiali destinate ai pazienti amputati.

CONTINUA SU TG24.SKY.IT
Foto di Rudy and Peter Skitterians da Pixabay 


Source: PeopleForPlanet